Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione.
Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo.

LE JARDIN di Giulia Beretta, Francesca Borrelli, Francesco Cianciulli, Romain Conduzorgues, Baptiste Furic, Silvia Lacatena Jule Messau, Carolina Rossi

VINCITORE ex aequo
UN'OPERA PER IL CASTELLO III EDIZIONE

CONCORSO GIOVANI ARTISTI CASTEL SANT’ELMO, NAPOLI
Sospensione.  Attese...

Nell’arte e nell’architettura contemporanee la rovina non indicherebbe più l’incerto e problematico rapporto con il passato, bensì quello con il futuro (...) Marc Augé, Le temps en Riunes, Paris, 2003 Una piccola e suggestiva rovina, situata all’estremità ovest di Castel Sant Elmo, occupa lo spazio intermedio tra il castello e la città. Essa sorge in adiacenza di uno degli ingressi principali del castello, e fu probabilmente costruita dopo il 1700, poiché da un’acquaforte del francese Saint-Non Jean Claude Richard risalente agli ultimi anni del ‘700 ancora non è visibile. La piccola costruzione rappresenta uno dei tanti luoghi “sospesi” della città di Napoli che, attualmente abbandonata e inaccessibile, attende di essere rivalorizzata. Il progetto vede, dunque, la costruzione di una scala, opera site specific, che verrà a costituire il primo passo verso la riappropriazione di questo spazio. La scala simboleggia la risalita verso qualcosa di diverso e inesplorato; un ponte verticale che permetterà, a chi vi vorrà salire, la conquista di un nuovo punto di vista sulla città. L’ascesa permette in tal modo il raggiungimento e la fruizione di un nuovo sito, al momento inghiottito dalla vegetazione incolta. Sul tetto della costruzione abbiamo immaginato la realizzazione di un giardino pensile, in cui le essenze arboree, spontaneamente cresciute durante il periodo di abbandono, potranno essere reintegrate al nuovo giardino, restituendo così ad entrambi nuova vita. L’idea rimanda al concetto di locus amoenus in cui ritrovare quell’ozium che necessariamente segue al negotium. Ecco come, attraverso la riscoperta di un locus amoenus, si offrirà un “momento di sospensione” tra se stessi e la città.

 Immagini della fase di realizzazione dell'opera su www.lejardin-napoli.com

STORIA VINCITORI e FINALISTI

ANNO 2015 - UNO SGUARDO ALTROVE. Relazioni e incontri.

PUDDU operaFollow the shape
di Paolo Puddu
vincitore Concorso 2015

 

Finalisti Concorso 2015

 

 

 

 
 

 

   
ANNO 2014 - LO SPAZIO DELLA COMUNICAZIONE Connessioni e condivisione   ANNO 2013 - Sospensione. Attese...

BEORCHIA operaIl Tesoro
di Claudio Beorchia
vincitore Concorso 2014

 

Finalisti Concorso 2014

 
LE JARDIN
di Giulia Beretta, Francesca Borrelli, Francesco Cianciulli, Romain Conduzorgues, Baptiste Furic, Silvia Lacatena Jule Messau, Carolina Rossi
vincitore Concorso 2013
ex aequo
   

My dreams, they'll never surrender
di Gian Maria Tosatti
vincitore Concorso 2013
ex aequo

  Finalisti Concorso 2013
 

 

   
ANNO 2012 - Lo spazio della memoria - La memoria dello spazio   ANNO 2011 - Questo lo saprei fare anch’io. Il contemporaneo ricerca il suo pubblico

Tempo Interiore
di Rosy Rox
vincitrice Concorso 2012

 

Finalisti Concorso 2012

 

Anastatica Sensibile
di Daniela Di Maro
vincitrice Concorso 2011

 

Finalisti Concorso 2011

 

 

   
Concorso un'Opera per il Castello - Napoli, Castel Sant'Elmo
pm-cam.santelmo@beniculturali.it



webmaster Gabriella Pennasilico


template by Joomspirit